24 / 7 / 2018

DUREZZA DELL’ACQUA E CALCARE

POSSIBILI PROBLEMATICHE E COME AFFRONTARLE.

La durezza dell’acqua sanitaria esprime il contenuto di ioni di calcio e magnesio, sali che sono disciolti nell’acqua stessa.

Essa viene espressa solitamente in gradi Francesi (°f) che corrisponde a 10 mg di carbonato di calcio per litro di acqua.

In genere, le acque vengono classificate in base alla loro durezza come:

•             fino a 4 °f: molto dolci

•             da 4 °f a 8 °f: dolci

•             da 8 °f a 12 °f: medio-dure

•             da 12 °f a 18 °f: discretamente dure

•             da 18 °f a 30 °f: dure

•             oltre 30 °f: molto dure

 

A temperature elevate si può manifestare una problematica particolarmente delicata ovvero la formazione di calcare.

Infatti i sali di carbonato tendono a depositarsi sulle tubazioni dell’impianto e all’interno degli scambiatori di calore e ciò comporta varie problematiche: riduzione delle prestazioni, aumento del consumo di combustibile nel tempo e possibile rottura di parti della caldaia.

Per questo motivo in caso di acqua con durezza superiore ai 15°f la legge (DPR 59 2009 – UNI 8065 - D.M. 26/05/2015) prevede un trattamento di condizionamento chimico per impianti con una potenza al focolare fino a 100 Kw, mentre è richiesto l’addolcimento mediante resine per impianti con potenza al focolare tra 100 e 350 kW.

Tali trattamenti sono dunque essenziali in quanto, oltre ad essere previsti dalla legge, permettono di prevenire la formazione di calcare andando a preservare le prestazioni e prolungano la vita della caldaia.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info