DETRAZIONI FISCALI 2018

Tutte le informazioni utili per beneficiare delle detrazioni secondo la nuova normativa

A partire dal 2018 sono state definite le nuove norme per le detrazioni IRPEF.

Ecco le principali modifiche in merito alla sola SOSTITUZIONE della caldaia:

  •  - DA Caldaia a camera aperta/ camera stagna   A  Caldaia a condensazione (CLASSE A):

 

Senza sistemi di termoregolazione evoluti

Con sistemi di termoregolazione evoluti

Detrazione fiscale ristrutturazione edilizia

50%

 

Detrazione fiscale riqualificazione energetica

65%

 

 

  • - DA Caldaia a camera aperta  Caldaia a camera aperta: 

                                          NESSUNA

  • - DA Caldaia a condensazione  Caldaia a condensazione (CLASSE A): 

 

Senza sistemi di termoregolazione evoluti

Con sistemi di termoregolazione evoluti

Detrazione fiscale ristrutturazione edilizia

50%

(solo se abbinata ad altri interventi di ristrutturazione edilizia)

 

Le caldaie Fondital, se abbinate a specifici accessori in gamma, vengono classificate come

CLASSE V/VI  e possono quindi godere della detrazione fiscale al 65%!

Scopri come:

 

CHI PUO' USUFRUIRNE?

Possono usufruire della detrazioni fiscali i proprietari, nonché i titolari di altri diritti reali/personali e di godimento che ne sostengono le spese (fatture e bonifici siano intestati alla stessa persona):

  • - il proprietario o il nudo proprietario;
  • - i titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • - l’inquilino (locatario o comodatario);
  • - i soci di cooperative divise e indivise;
  • - gli imprenditori individuali (esclusi i beni strumentali o merce);
  •  - i soci di società di persone (s.s., s.n.c., s.a.s.) e partecipanti ad imprese familiari.

Anche chi esegue i lavori in proprio può usufruire della detrazione limitatamente ai materiali acquistati.

 

QUALI SONO I DOCUMENTI NECESSARI?

Per poter usufruire della detrazione, il contribuente deve consegnare al professionista installatore, i seguenti documenti:

  1. ricevuta del bonifico bancario attraverso cui è stato effettuato il pagamento (apposito modello contenente l’indicazione della causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita IVA o codice fiscale del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico);
  2. fatture o ricevute fiscali relative alle spese effettuate Tale documentazione deve essere conservata e resa disponibile, su richiesta degli uffici fiscali;
  3. dichiarazione del costruttore, disponibile in ogni scheda prodotto.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info